La contabilizzazione del calore

La figura dell’Energy Manager (E.M.) inizia con prendere misura dell’ambiente in cui deve operare. Misurare l’energia, comprendendone gli equilibri all’interno di un sistema, è il primo passo fondamentale in cui commisurare le proprie energie.

Con la contabilizzazione del calore, in sostanza, si è in grado di gestire in modo autonomo il riscaldamento del proprio appartamento, senza che ciascuno abbia dentro casa una caldaietta. La caldaia rimane sempre unica per tutto il condominio, ma ogni proprietario/occupante ha la possibilitàˆ, attraverso particolari dispositivi, di spegne re, ridurre o aumentare (entro il limite di legge di 20 gradi in media, pi due di tolleranza) la temperatura del proprio appartamento, ufficio o negozio.

Grazie a contatori individuali, ciascuno paga solo il calore che ha effettiva mente consumato. Si tratta di installare un sistema di apparecchiature che misurano (contabilizzano) la quantitàˆ di calore effettivamente consumata in ogni appartamento e consentono di regolare le temperature della parte di impianto che  al servizio di ogni alloggio.

Invia commento

Pin It on Pinterest

Share This