Dopo il disastro nucleare, Fukushima annuncia un piano che usa 100% risorse rinnovabili.

Anche se va contro il piano del Primo Ministro Shinzo Abe di riavviare il nucleare in tutto il Giappone, la provincia di Fukushima si sta impegnando per ricavare energia da fonti 100% rinnovabili entro il 2040. Lo hanno annunciato alla “Community Power Conference” tenutasi a Gennaio proprio a Fukushima. Il piano richiede la cooperazione fra i 2 milioni di residenti della provincia giapponese di generare energia con diverse forme di fonti rinnovabili attraverso iniziative e progetti comunitari.

“Il governo locale, come la prefettura di Fukushima o il governo metropolitano di Tokyo sono molto più attivi rispetto al governo nazionale, il quale si occupa principalmente del settore industriale” sono state le parole di Tetsunari Iida, direttore dell’Istituto per le Politiche Energetiche Sostenibili in Giappone. La provincia sta attualmente pianificando il lancio di due pale eoliche da 7 megawatt, con le quali rafforzeranno i due megawatt di energia eolica off-shore situate al largo della costa di Fukushima ed entrate in funzione alla fine dello scorso anno. Il progetto, frutto della collaborazione tra il governo giapponese e Marubeni Corp, é stato creato per trasformare il luogo del disastro nucleare in un simbolo positivo per il futuro dell’energia verde.

L’articolo continua su genitronsviluppo

Pin It on Pinterest

Share This