Il contratto di rendimento energetico è uno strumento importante del rinnovo di edifici. Nell’ambito di questa forma di acquisto basata sul rendimento i risparmi realizzati grazie a bollette di servizi pubblici e a costi di manutenzione inferiori derivanti dalle misure di efficienza energetica sono utilizzati a copertura parziale o totale dei costi di investimento delle misure. Questo modello è stato provato e si è dimostrato economicamente vantaggioso in vari Stati membri[1]
Il contratto di rendimento energetico è importante per incentivare il rinnovo di edifici pubblici e per migliorare il livello di efficienza energetica di infrastrutture pubbliche quali l’illuminazione stradale[2]. La diffusione dei contratti di rendimento energetico è tuttavia ostacolata in numerosi Stati membri da ambiguità del quadro giuridico e dalla mancanza di dati affidabili sui consumi energetici che permettano di stabilire i valori di riferimento rispetto ai quali è valutato il rendimento. 
tratto da  Piano di efficienza energetica 2011COM(2011) 109 definitivo


[1]               Fra cui Danimarca, Francia e Germania.
[2]               Nel 2005 l‘illuminazione stradale ha consumato 36 TWh di elettricità.
                Vedi http://ec.europa.eu/governance/impact/ia_carried_out/docs/ia_2009/sec_2009_0324_en.pdf

Pin It on Pinterest

Share This