Esempio di impaginazione e di contenuti.
Nel titolo verrà messo il nome e cognome dell’energy manager (E.M.).
Nel testo avverrà una breve descrizione dell’attività principale (per esempio la mia è progettazione di edifici a basso consumo). Infine le attività svolte come E.M. Esempio di seguito:

ATTIVITÀ
L’efficienza energetica risulta essere il settore di massimo sviluppo e di massima competenza. 
L’energy management applicato alla civile abitazione è l’ambiente nel quale ci si muove maggiormente.
Le competenze in ambito progettuale danno la possibilità di essere partner ideale per sviluppi generativi di nuovi modelli architettonici, improntati a minimizzare l’impronta ecologica dell’uomo sull’ambiente.
Occorre pensare con prospettive greenbuilding.
ENERGY MANAGER
Immagine 1 – Concept di un condominio (Ing. Mirko Paglia)
Per raggiungere il massimo dell’efficienza energetica si deve partire dall’analisi dei consumi. È essenziale avere una chiara visione di quali siano gli andamenti degli sprechi e, successivamente, progettare gli interventi più idonei.  
Sono ampie le casistiche risolutive per ogni tipologia di intervento. Non esiste MAI una soluzione per tutte le situazioni, ma esistono diverse soluzioni per ogni situazione. Gli EM costruiscono uno schema chiamato concept, una sorta di idea concretizzata a schema, utile per prendere visione dell’insieme delle risoluzioni efficienti da proporre al cliente (immagine 1).
Tabella 1 – Confronti tra le varie tecnologie di illuminazione per una villetta monofamiliare, i prezzi sono per ogni lampada cambiata. Si ricavano facilmente le differenze economiche tra le soluzioni proposte e quindi il risparmio conseguibile. (Ing. Mirko Paglia)
Il tecnico poi passa alla parte economica del trattato. Mostra al cliente tabelle e grafici facilmente comprensibili paragonando investimenti con i rientri (di solito inferiori ai 10 anni) e i guadagni  conseguiti dai miglioramenti proposti (tabella 1 e Grafico 1).
Grafico 4 – Dimostrazione di rientro impianto fotovoltaico 20 kWp nel Pavese, per una riqualificazione energetica, incentivo di 0,5863 €/kWh (Ing. Mirko Paglia)

Pin It on Pinterest

Share This