La produzione globale di celle fotovoltaiche è cresciuta del 10% nel 2012 rispetto al 2011, nonostante un calo del 9% negli investimenti in energia solare, secondo il rapporto annuale sul fotovoltaico pubblicato dal Centro comune di ricerca della
Commissione europea. L’Europa resta un leader per quanto riguarda la potenza legata ai nuovi impianti, registrando il 51,7% (16,8 GW) dei 30 GW installati in tutto il mondo.

Le risorse solari abbondanti, unite a zero emissioni provenienti dagli impianti solari, hanno permesso ai sistemi di energia fotovoltaica di svolgere un ruolo chiave nella transizione verso un approvvigionamento energetico a basse emissioni di carbonio.
Questo potenziale ha guidato lo sviluppo di moduli fotovoltaici più efficienti e trasformato il settore in una delle industrie in più rapida crescita. La produzione di celle e moduli fotovoltaici è passata da 46 MW nel 1990 a 38,5 GW nel 2012. Gli impianti statisticamente documentati in tutto il mondo rappresentavano quasi 100 GW nel 2012 ponendo l’UE in posizione di vantaggio con la sua quota di oltre 69 GW.

All’interno dell’UE, la Germania ha mantenuto la sua posizione di leader per gli impianti fotovoltaici con 7,6 GW in più nel 2012, mentre i 3,5 GW recentemente installati in Italia hanno permesso di raggiungere una produzione di energia elettrica che copre il 7,3% della domanda totale di energia elettrica nel corso dei primi sette mesi del 2013.

Un brusco calo dell’80% dei prezzi dei moduli fotovoltaici tra il 2008 e il 2012, provocato da un eccesso di capacità di produzione, ha creato gravi problemi finanziari per i produttori, portando tuttavia a un consolidamento del settore e alimentando una notevole crescita del mercato fotovoltaico in Asia: il 60% nel 2012 e una previsione del 100% nel 2013. L’aumento della produzione annuale ha fatto sì che Cina e Taiwan rappresentassero il 70% della produzione mondiale.
Nonostante le attuali difficili condizioni economiche, il numero dei nuovi mercati fotovoltaici è in aumento. Questo, unitamente all’aumento dei prezzi dell’energia e alla pressione per stabilizzare il clima, manterrà alta la domanda per i sistemi di energia solare. La produzione di energia elettrica da moduli fotovoltaici ha già dimostrato di poter essere più conveniente rispetto all’energia elettrica convenzionale attualmente fornita ai consumatori in molti paesi. Inoltre le energie rinnovabili che non dipendono dal carburante, sono, a differenza delle fonti di energia convenzionali, tra le tecnologie in grado di offrire la prospettiva di una riduzione dei prezzi.

Rapporto sullo stato del fotovoltaico 2013 http://iet.jrc.ec.europa.eu/remea/pv-status-report-2013

Pin It on Pinterest

Share This