L’Energy Manager e gli edifici residenziali a emissioni quasi zero

Scritto da Mirko Paglia eco-ingegnere

15/11/2020

Meglio il doppio preventivo con sconto in fattura e senza incentivi, per valutare eventuali extra-costi.

Intervista all’Ing. Marco Codazzi

Efficienza energetica protagonista del Superbonus 110%? «Confermo – spiega l’ingegner Marco Codazzi, Energy Manager Certificato (EGE) e titolare dell’ESCO ETS Life srl – E’ però necessario aspettare i provvedimenti attuativi dall’Agenzia delle Entrate, ovvero le istruzioni per il funzionamento dello sconto in fattura e della cessione del credito, prima di muoversi. Successivamente è importante affidarsi a professionisti competenti nel settore del risparmio energetico.Prima che escano i decreti attuativi, il mio primo consiglio come esperto è di non firmare alcun preventivo e comunque procurarsi sempre il doppio preventivo, quello senza incentivi, e quello con lo sconto in fattura: solo così sarà più facile valutare eventuali extracosti. L’obiettivo di una riqualificazione energetica è la condivisione con il cliente della casa ideale.Qualora nel primo intervento non si riuscisse a raggiungere l’obiettivo della casa a zero emissioni, si potrà procedere successivamente a realizzare ciò che manca. Importante procedere con opere finalizzate a tale scopo, utilizzando materiali di buona qualità e preoccupandosi anche delle spese di gestione. Un ruolo importante lo hanno le Esco (Energy Service Company), perché i loro interventi sono certificati per il risparmio e sono finalizzate anche a una oculata gestione. Il mondo del risparmio energetico è vario e complesso e non esiste solo il superbonus 110, esistono anche la detrazione fiscale, il conto termico.Pochi sono a conoscenza degli incentivi completamente o parzialmente finanziati dalle Esco, quai società accreditate ai sensi della norma UNI CEI 11352:2014, sono garantiti in termini di risultati, di efficienza e d risparmio energetico, a maggior tutela del consumatore.

“La progettazione sostenibile non è più un obbligo di legge ma un obbligo morale di ogni ingegnere”

Paglia Mirko

Green-building

ingegneria e architettura sostenibile

Alcune brevi definizioni di grandi imprese ed energivore

Per grandi imprese si intendono quelle realtà con più di 250 dipendenti, fatturato maggiore a 50 mln€ oppure un totale di bilancio annuo superiore a 43 mln€ [def. 2003/361/CE].

Dal 2018, la definizione di impresa energivora riguarda tutte le imprese che hanno un consumo energetico maggiore o uguale a 1 GWh

Articoli collegati

La storia dell’Energy Manager

La storia dell’Energy Manager

La figura dell’Energy Manager nasce nel mondo anglosassone ai tempi della prima crisi petrolifera del 1973. Il problema, particolarmente grave, spinse ad affidare ad una persona competente e capace, l’incarico di affrontarlo e risolverlo, attribuendole potere e mezzi necessari.

Consumiamo energia, siamo obesi energetici.

Consumiamo energia, siamo obesi energetici.

Questa è una delle mie frasi che più concretizzano il problema dei consumi energetici:  SIAMO OBESI ENERGETICI. Da qua iniziamo un percorso semplificato, per fissare poco punti facili (ma non semplicistici) in grado di mostrarti la reale situazione. Attualmente esiste...

Ristrutturazione e distanze: il MIT chiarisce

Ristrutturazione e distanze: il MIT chiarisce

Piccola premessa, personalmente avrei voluto darvi il testo della circ. n. 45113/2020 da cui traggo considerazioni tecniche. Purtroppo vi posso dare, per questioni di velocità e praticità, un pdf scasionato. Nell'era del digitale non si comprende come sia possibile...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: