Risparmiare energia per ridurre le emissioni di CO2 è il messaggio fondamentale nella lotta contro il riscaldamento globale.
Al fine di garantire un elevato e continuo miglioramento dell’efficienza energetica, l’energia non deve essere considerata come una spesa operativa fissa ma deve essere gestita in continuo con la stessa attenzione con cui si gestisce la produzione, la qualità e la sicurezza

La normativa ISO 50001 stabilisce una serie di requisiti per l’attuazione di politiche energetiche con obiettivi concreti, come l’adozione di misure per ridurre e controllare il consumo energetico, verificare il risparmio e pianificare gli interventi migliorativi in maniera continuativa. Lo standard ISO 50001 fornisce le linee guida necessarie per essere in linea con i requisiti della riduzione delle emissioni di CO2.

Le ESCo portano un grosso contributo nel recupero e nell’organizzare di progetti con finalità di ottenimento dei TEE.

Con un buon Audit Energetico iniziale si possono meglio ottimizzare gli investimenti ed i risultati.

Fondamentale è la misurazione ed il monitoraggio dei risultati.

Migliorare il rendimento energetico consente ad un’organizzazione di trarre benefici rapidi, massimizzando l’utilizzo delle proprie fonti energetiche e le attività ad essa correlate, migliorando sia il costo energetico che il consumo. Questo contribuisce inoltre positivamente alla riduzione dell’esaurimento delle risorse energetiche e alla mitigazione degli effetti dell’uso di energie in tutto il mondo, così come il riscaldamento globale. ISO 50001 si basa sul modello del sistema di gestione già compreso e implementato dalle organizzazioni in tutto il mondo. 

OBIETTIVI: + efficienza energetica

ISO 50001 fornisce alle aziende del settore pubblico e privato, strategie di gestione per aumentare e migliorare l’efficienza energetica e ridurre costi.

La norma si pone l’obiettivo di realizzare quanto segue:

  • ridurre i costi (gestionali, consumi energetici, materie prime) e di approvvigionamento di energia o servizi connessi all’uso della stessa;
  • limitare l’impatto ambientale;
  • utilizzare le strutture ad alto consumo energetico in maniera più efficiente;
  • aumentare la trasparenza e facilitare la comunicazione sulla gestione delle risorse energetiche;
  • sostenere best practices nella gestione dell’energia e favorire i comportamento virtuosi;
  • promuovere una maggiore efficienza energetica attraverso tutta la catena di fornitura grazie a linee guida più idonee;
  • ottimizzare la gestione energetica all’interno di progetti di riduzione delle emissioni di gas serra.
  • definizione di ruoli e responsabilità, con individuazione di uno specifico team di gestione dell’energia;
  • maggiore controllo delle emissioni, soprattutto in atmosfera (gas ad effetto serra), sia dirette che indirette;
  • maggiore capacità di adempiere ai requisiti di legge relativi agli aspetti di cui sopra;
  • facilità di integrazione con altri sistemi di gestione già esistenti.

APPROCCIO OPERATIVO: Plan-Do-Check-Act

La norma ISO 50001 segue il processo “Plan-Do-Check-Act”, di miglioramento continuo del sistema di gestione energetica. Tali caratteristiche permettono alle organizzazioni di integrare la gestione dell’ energia, ora con i suoi sforzi complessivi per migliorare la gestione della qualità, del medio ambiente e altre questioni affrontate dai suoi sistemi di gestione.

  • PLAN – Identificare usi energetici e obblighi legali, stabilire obiettivi e relativi target.
  • DO – Assegnare risorse e responsabilità, accrescere la consapevolezza dell’organizzazione e fornire una preparazione adeguata, incoraggiare la comunicazione interna ed esterna, attivare controlli operativi.
  • CHECK – Definire un programma di monitoraggio della gestione energetica, identificare e gestire le eventuali non conformità, controllare le rilevazioni, effettuare verifiche interne sul SGE (Sistema Gestione Energia).
  • ACT – Esaminare il SGE per confermare e/o migliorare gli obiettivi e le scelte operative.

Green-building

ingegneria e architettura sostenibile

Un sistema di gestione e controllo dei consumi energetici ancora poco usato in Italia.

Ruolo fondamentale è l’analisi energetica che include analisi degli usi e consumi energetici basati su misure, formazione, identificazione delle priorità e delle opportunità, identificazione delle aree di maggior consumo e aggiornamento scadenzato,  Le associazioni di categorie, quali le camere di commercio, si rendono disponibili a rilasciare incentivi per la redazione di tale documento.

Articoli collegati

Consumiamo energia, siamo obesi energetici.

Consumiamo energia, siamo obesi energetici.

Questa è una delle mie frasi che più concretizzano il problema dei consumi energetici:  SIAMO OBESI ENERGETICI. Da qua iniziamo un percorso semplificato, per fissare poco punti facili (ma non semplicistici) in grado di mostrarti la reale situazione. Attualmente esiste...

Ristrutturazione e distanze: il MIT chiarisce

Ristrutturazione e distanze: il MIT chiarisce

Piccola premessa, personalmente avrei voluto darvi il testo della circ. n. 45113/2020 da cui traggo considerazioni tecniche. Purtroppo vi posso dare, per questioni di velocità e praticità, un pdf scasionato. Nell'era del digitale non si comprende come sia possibile...

Conto termico 2.0

Conto termico 2.0

Il nuovo Conto Termico, in vigore dal 31 maggio 2016, potenzia e semplifica il meccanismo di sostegno già introdotto dal decreto 28/12/2012, e incentiva interventi per l’incremento dell’efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: