Appalti pubblici, Ristrutturazione e distanze: il MIT chiarisce

Scritto da Mirko Paglia eco-ingegnere

19/12/2020

Piccola premessa, personalmente avrei voluto darvi il testo della circ. n. 45113/2020 da cui traggo considerazioni tecniche. Purtroppo vi posso dare, per questioni di velocità e praticità, un pdf scasionato. Nell’era del digitale non si comprende come sia possibile che un Ministero (non delle Yemen, ma di una delle 10 superpotenze economiche per PIL) non possa produrre un documento digitale al passo con i tempi (perdonatemi la poltemica, ma è costruttiva).

Vediamo al dunque e parliamo di cose serie: il contenuto della circolare del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Scarica a fine articolo il pdf incriminato, aprilo e poi commenta

La Circolare del MIT rappresenta una esortazione a Regioni, Province, Comuni, Provveditorati, Anas e Rfi all’applicazione delle misure del DL 76/2020 (“Decreto semplificazioni”)

Il Ministero delle

Infrastrutture

e dei Trasporti

ha adottato la Circolare 18 novembre 2020, n. 45113 recante “Decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76, recante “Misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale”, convertito con modificazioni dalla legge 11 settembre 2020, n.120” contenente numerose disposizioni che incidono su diversi settori di competenza del Ministero.

La Circolare del MIT rappresenta una “sollecitazione” a Regioni, Province, Comuni, Provveditorati, Anas e Rfi all’applicazione delle misure del DL 76/2020 (“Decreto semplificazioni”).  Tale documento è stato emanata insieme al Ministero della funzione pubblica per adottare proprio queste “semplificazioni“.

L’Obiettivo dichiarato  è “assicurare” la crescita del Paese e superare la crisi economica innescata dalla pandemia da Coronavirus-19.

I temi trattati dalla circolare sono due, entrambi legati alle misure introdotte dal c.d. “decreto Semplificazioni” (D.L. 76 del 16 luglio 2020 convertito dalla legge 120/2020). Sotto la lente sono gli appalti per gli interventi d’infrastrutturazione (strade, ponti teleconomunicazioni … che non capisco perchè non abbiano fatto prima essendo un debito “buono” necessario per la crescita) e l’edilizia che, da sempre, rappresenta il motore dell’economica italiana ed è quest’ultimo aspetto che cercheremo di approfondire.

Relativamente agli appalti pubblici la circolare sottolinea, molto bene la non obbligatorietà delle modifiche a tempo introdotte dell’articolo 2 del decreto-legge n. 76/2020, convertito dalla legge n. 120/2020. Si legge cioè

“In sintesi, fino al 31 dicembre 2021, per gli appalti sotto soglia, sarà possibile procedere agli affidamenti diretti sino ad euro 150 mila, per i lavori, ed utilizzare le procedure di gara senza bando fino al raggiungimento delle soglie comunitarie di cui all’articolo 36 del Codice dei contratti”.

In altri termini è l’ente appaltante (la pubblica amministrazione) a poter decidere quale strada intrapprendere perconferire l’incarico.

Sopra soglia? bhe un pò di confusione sono riusciti a metterla, anche se preferisco chiamarla “poca chiarezza“:

“Per gli affidamenti sopra soglia comunitaria, oltre alla riduzione dei termini procedimentali, si prevede il ricorso alle procedure negoziate senza bando quando, per ragioni di estrema urgenza derivanti dagli effetti negativi della crisi causata dalla pandemia da COVID-19 o dal periodo di sospensione delle attività determinato dalle misure di contenimento adottate per fronteggia re la crisi, i termini, anche abbreviati, previsti dalle procedure ordinarie non possono essere rispettati”

Leggete una deroga? Sembrerebbe proprio di si ma solo nel caso in cui, appunto “i termini, anche abbreviati, previsti dalle procedure ordinarie non possono essere rispettati”. Permettetemi di dire che con il Decreto Semplificazioni e Codice dei contratti: sull’inizio delle deroghe interviene il TAR! [sentenza n. 559 del 4 dicembre 2020]

Demolizione e ricostruzione consentita con mantenimento delle preesistenti distanze
Nella circolare c’è esplicita volontà di disciplinare i casi in cui c’è demolizione e ricostruzione degli edifici preesistenti che risultino “legittimamente” ubicati rispetto ad altri immobili (in termidi di distanze)  che però non rispettare le attuali norme in termini di distanze. In questi casi, la ricostruzione è possibile in deroga alle norme in questione, e quindi col mantenimento delle distanze preesistenti,  con l’unica prescrizione (forse banale ai molti) che l’edificio originario sia “legittimamente” realizzato.

Quali documenti sono accettati per la verifica di Legittima realizzazione dell’immobile preesistente?
Si fa riferimento all’art. 9-bis del D.P.R. 380/2001 (Documentazione amministrativa e stato legittimo degli immobili),  inserita dal D.L. 76/2020, dove è indicata la documentazione da cui ricavare lo “stato legittimo” di un edificio.

Incrementi volumetrici (interessante, vi consiglio di approfondirlo)
La circolare dice che gli incentivi volumetrici riconosciuti (per un maggiore isolamento per esempio) possono essere realizzati anche con ampliamenti fuori sagoma e con il superamento dell’altezza massima dell’edificio demolito, sempre nei limiti delle distanze legittimamente preesistenti. 

Edifici nei centri storici 
Al comma 1-ter, dell’art. 2-bis del D.P.R. 380/2001 c’è una specificazione all’ipotesi in cui gli interventi considerati riguardino zone omogenee A o zone assimilate a queste dai piani urbanistici comunali, ovvero centri e nuclei storici. Il legislatore ha posto un’ulteriore condizione per l’applicabilità delle disposizioni dettate dal comma:  l’intervento sia contemplato “esclusivamente nell’ambito dei piani urbanistici di recupero e di riqualificazione particolareggiati, di competenza comunale”.
Ovviamente si vuole assicurare una maggior tutela alle aree soggette al vincolo di zone A e dei centri storici. 

Strumenti di pianificazione
Sono fatte salve “le previsioni degli strumenti di pianificazione territoriale, paesaggistica e urbanistica vigenti”. Le amministrazioni preposte alla pianificazione del territorio, quindi nei rispettivi ambiti di competenza, possono dettare prescrizioni anche meno rigide per effettuare interventi edili. 

Pareri degli enti preposti alla tutela
In relazione al richiamo conclusivo ai “pareri degli enti preposti alla tutela”, il legislatore ha voluto sottolineare la necessità, laddove risultino vincoli sui singoli edifici o sulle aree interessate dagli interventi, di acquisire il parere delle autorità preposte. 

Green-building

ingegneria e architettura sostenibile

EDIFICI PRIVATI E PUBBLICI HANNO BISOGNO DI ESSERE RIQUALIFICATI

Progettazione di nuovi edifici e ristrutturazioni in stile greenbuilding. Progettazione d’arredamento d’interni e giardini. Progettazione di fonti rinnovabili. Pratiche comunali, paesaggistiche e pratiche catastali. Per la PA prepariamo anche progetti preliminari per scuole e palestre. Servizi di restituzione grafica con planimetrie, in Revit 2D e 3D e fotomontaggi realistici

Articoli collegati

Consumiamo energia, siamo obesi energetici.

Consumiamo energia, siamo obesi energetici.

Questa è una delle mie frasi che più concretizzano il problema dei consumi energetici:  SIAMO OBESI ENERGETICI. Da qua iniziamo un percorso semplificato, per fissare poco punti facili (ma non semplicistici) in grado di mostrarti la reale situazione. Attualmente esiste...

Conto termico 2.0

Conto termico 2.0

Il nuovo Conto Termico, in vigore dal 31 maggio 2016, potenzia e semplifica il meccanismo di sostegno già introdotto dal decreto 28/12/2012, e incentiva interventi per l’incremento dell’efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti...

Bando Amianto Regione Lombardia

Bando Amianto Regione Lombardia

Bando per l'assegnazione di contributi ai cittadini per la rimozione di coperture e di altri manufatti contenenti amianto da edifici privati - ed. 2020 Bandi online Domande dal: 18/01/2021 , ore 10:00 Scade il: 01/03/2021 , ore 16:00 Codice: RLT12020013702 I manufatti...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: